The book of vision

Eva, una giovane promettente dottoressa, abbandona la sua carriera per immergersi nello studio della Storia della medicina. E’ giunto il tempo di mettere in discussione tutto: la propria natura, il proprio corpo, la propria malattia e un destino segnato.

Johan Anmuth è un medico prussiano del Settecento in perenne conflitto tra nuove spinte razionaliste e antiche forme di animismo.

The Book of Vision è il manoscritto capace di intrecciare le due esistenze in un vortice ininterrotto. Lontano da un testo scientifico, il libro contiene le speranze, le paure e i sogni di più di 1800 pazienti. Il medico prussiano sapeva come ascoltare i propri pazienti, il loro spirito vaga ancora tra le sue pagine, la vita e la morte fanno entrambe parte di un fluire continuo. La storia di Anmuth e dei suoi pazienti darà lo slancio a Eva per vivere appieno la propria vita. Niente si esaurisce nel proprio tempo.

“E’ reale solo ciò che si desidera, non quello che meramente accade.

REGIA

Carlo S. Hintermann

SOGGETTO

Carlo S. Hintermann

SCENEGGIATURA

Carlo S. Hintermann e Marco Saura

DIRETTORE FOTOGRAFIA

Joerg Widmer

CONCEPTUAL VISUAL DESIGN

Lorenzo Ceccotti (LRNZ)

DURATA

95′

SCENOGRAFO

David Crank

COSTUMISTA

Mariano Tufano

MONTATORE

Piero Lassandro

MUSICHE ORIGINALI

Hanan Townshend in collaborazione con Federico Pascucci

The book of vision
The book of vision